“Considerata la rilevanza dell’attività turistica sull’economia della comunità, come anche le sue potenzialità, la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno ha individuato quale rilevante punto di debolezza la difficoltà nell’identificare il territorio e, quindi, ha deciso di favorire il processo di identificazione e la conoscenza del territorio – intesi quali presupposti per il miglioramento qualitativo e quantitativo dei flussi turistici – chiedendo a un protagonista intellettuale dell’architettura contemporanea di realizzare nel territorio una sua opera, a uso pubblico e gestita dalla Fondazione.

Atteso che la visione unitaria del territorio spetta agli enti pubblici, che la attuano mediante gli strumenti urbanistici, la Fondazione ha chiesto a un Comune del territorio se condividesse l’iniziativa, cosa pensasse che dovesse essere realizzato, in quale punto del suo territorio e, soprattutto, se fosse disposto a donare alla Fondazione l’area su cui realizzare l’opera. Il Comune di Grottammare, mediante sette assemblee partecipative con la cittadinanza, ha deciso che l’opera dovrà essere un luogo per realizzare eventi in modo multimediale, dovrà chiamarsi ANIMA (Arti, Natura, Idee, Musica, Azioni) e ha individuato il luogo dove realizzarla, donando alla Fondazione l’area stessa.”

Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno

Leggi anche:
Alfonso Giancotti racconta il programma e il lavoro corale.